Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘amici’ Category

Vi racconto il lavoro di Giovanna Cerise, insegnante di latino e italiano nella vita reale e artista builder di Second Life. Io l’ ho conosciuta perché ero la sua vicina di installazione nella mostra di art&poetry dedicata alla poesia ” ‘O profumo ‘e ll’ammore ‘ ” di Carmen Auletta. Un avatar come pochi, ma per fortuna ci sono, attenta, premurosa e sempre disponibile: se non ci fosse stato il suo aiuto, la mia operasarebbe stata un po’ meno precisa nel suo assetto generale, le verificherete al prossimo post.

Nel cubo-casa di Giovanna si notano il grigiore delle pareti e dell’ arredo: un tavolo, dove è appoggiata una boccetta di inchiostro rosso con l’ occorrente per scrivere, un grammofono e un dondolo. Oggetto quest’ ultimo molto evocativo con storie che variano da ricordo a ricordo. I colori sono la chiave di lettura: grigio, come spesso è grigia e spenta la nostra vita se ci si isola o se le difficoltà della vita ci deprimono; rosso,  che contrasta bene pur essendo una minima parte del tutto, conosce bene le teorie di Itten la nostra Giovanna, colore fiammeggiante dai duplici significati, amore, gioia, passione ma anche dolore, sangue e violenza. Allora ecco, avendo la possibilità di una bacchetta magica, proprio come quella delle fate e delle streghe, Giovanna costruisce una mezza sfera, un cupolone coloratissimo e lo riempie del suo sogno invitando tutti i visitatori a ritrovare nelle forme da lei proposte qualcosa dei loro sogni. Il dondolo diventa di proporzioni enormi, la musica del grammofono ti circonda e danzano fiori, ventagli di tutti i colori, ti avvolgono atmosfere di nebbie azzurrate o rosate con tanti altri particolari che scoprirete voi nelle immagini di questo piccolo schermo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ la sua proposta di “profumo d’amore” e sembra di sentirlo

Io mi sono divertita ad estrarre alcuni quadretti astratti dal suo allestimento

colore,colore colore

esplosioni

il suo sogno c’è l’ha regalato!

atmosfera dorata

Un incontro particolare con un cavallo bianco, bellissimo che mi ha fatto compagnia quasi tutta la serata. Rimpiango di non aver capito che forse voleva farmi salire in groppa , era un invito per volare?  Non lo saprò mai.

sarima e il cavallo bianco dei suoi sogni

l’ invito

un ‘ occasione persa, salamina!

nb. la poesia di Auletta al prossimo post!

Read Full Post »

Nessuno mi aveva avvisato del video girato dopo l’inaugurazione della mia mostra Landscapes allestita da Velazquez Bonetto nella sua Camera Obscura. Mexi Lane ne é l’ autrice. Ed é stata una bella sorpresa scoprirlo!. Il gruppo CARP ha danzato all’interno del rombo, un  allestimento fatto con le mie immagini che si scomponevano, cambiavano colore, si alternavano in un gioco quasi da caleidoscopio. Un’opera nell’opera! Ed ora una danza con una perfetta coreografia!  Grazie, ne vado fiera! Eccolo! Basta cliccare sull’immagine:

 

Il party dopo il vernissage dell’installazione di Sarima Giha al CARP METAVERSE FESTIVAL di Diabolus Art Gallery. Esibizione straordinaria di Merlino Mayo,  il corvo.

Read Full Post »

In un mondo lontano, nel territorio dei Linden, sospesa nel vuoto, fluttua Cubolandia*.
E’ meta ambita per chi voglia dedicarsi alla meditazione.  Crocevia tra oriente e  occidente, cielo e terra, acqua e aria è frequentata da giovani artisti e poeti di Haiku.
Nulla è lasciato al caso tutto è programmato alla perfezione. Ogni visitatore è ricevuto dal maestro di Zen Cu-chin-fu*. Chi vuole può sottoporsi ad una prova per essere accettato come suo allievo. Come allievo, imparerà l’ arte della Concentrazione, trasmetterà la propria  esperienza del Satori nei versi Haiku e diverrà Natura nella Natura.

l’ inventore di Cubolandia  Rapo Man*

il maestro di Zen Cu-chin-fu

l’ accoglienza

il maestro Cu-chin-fu spiega la prova dell’enigma

Il banco di prova è quello di salire su un piccolo podio dove si verrà tele trasportati “in-men-che-non-si–dica” su un tatami, che accompagnerà il viaggiatore nel cuore di Cubolandia. Vagando da un cubo all’altro, ad ogni diverso livello, ad ogni svolta, i colori cambiano in sfumature intense, nebbie dai colori violetti, verdi e gialli dorati e il suono, si udirà un suono che entra nell’anima, consolatorio.

il cuore di Cubolandia

seduti su un tatami

accompagnati da avvolgenti musiche

Ma, c’è sempre un “ma” nei momenti felici, durante questo percorso si deve trovare la soluzione ad un enigma. Se si riesce per intuizione a dare la giusta  risposta si potrà diventare l’allievo prediletto di Cu-chin-fu. Se si sbaglia si è condannati a vagare per lunghi anni senza mai uscire dai confini di Cubolandia, e un giorno, forse, un avatar pietoso  aiuterà le anime che ancora vagano a risolvere l’indovinello e a liberarsi dall’incanto.

tutti in attesa

del responso

Sarima è passata attraverso questa prova e ha superato l’ ostacolo.

Questo l’enigma che il maestro le ha proposto:
“In che modo sapresti fermare il tempo in Second Life?”

Volete  provare anche voi a trovare la risposta?

ecco il verdetto

Sarima ha risolto l’enigma

addio!

Sarima si  allontana e dall’alto ancora per poco le appare Cubolandia, e il suono si fa flebile poi, tutto svanisce.

Ora è un bel sogno da raccontare.

@@@@@@@@@@@

*struttura e personaggi esistenti in SL –  per la privacy tutti i nomi sono stati inventati -il resto è frutto della mia fantasia

Read Full Post »

Si è aperta l’ 8 Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria. a. ROMA 5-8.12.09. EUR Palazzo dei Congressi.

Tra le novità di Più libri più liberi il digITAL Cafè, un nuovo spazio dedicato alle tecnologie digitali. Il 5 dicembre si discuterà di prodotto musicale tra Web e piattaforme alternative con l’agguerrita Mara Maionchi (ore 17).

La fiera si apre anche all’editoria digitale, con gli spazi riservati all’e-book e al digital-cafè. Sarà infatti presente un “corner e-book“, in cui sarà possibile per la prima volta in Italia toccare e sperimentare di persona i diversi dispositivi, confrontando la pagina cartacea con quella digitale. Il digital-cafè, invece, permette di approfondire, durante le quattro giornate della fiera, le nuove frontiere della comunicazione culturale: il prodotto musicale tra Web e piattaforme alternative, i nuovi strumenti per la lettura (e-book e audiolibri), l’impatto dei social network nella promozione dei prodotti editoriali e il rapporto tra cinema e architettura virtuale.

Gli artisti Gleman Jun, Solkide Auer, Maryva Mayo, Zhora Maynard, Aloisio Congrejo, Lucian Iwish, Sarima Giha e Shellina Wrinkler hanno realizzato per questa occasione un progetto pensato e diretto da Micalita Writer con Mexi Lane: costruire un albero di natale non tradizionale per il Natale digitale del Digital cafè in Experience Italy.

Il giorno 8 dicembre alle ore 17 verrà presentato ufficialmente sia alla Fiera di Roma che in Second Life.

Ho seguito e partecipato alla sua costruzione ed ecco una sequenza di immagini, un work in progress per creare il più sofisticato, splendente, dirompente e immenso albero di Natale

si inizia la costruzione conica dell’albero i cerchi che vedete scorrono luminosi senza posa

da un’altra ottica

si incomincia ad aggiungere particolari su particolari

sfere che sono mondi in miniatura

il puntale dell’albero si arricchisce sempre di più

quasi pronta la base e il centro

una bella fotografia particolare di Maryva Mayo

ancora due fotografie di Maryva Mayo per mostrarvi l’albero di Natale 2009 creato da un gruppo di creativi in Second Life per augurare a tutti

BUON NATALE!

Read Full Post »

Tempo fa ebbi un colloquio con l’amico Solkide Auer e tentai di spiegargli cosa intendessi io per nuova geometria in second life. Gli promisi di fare un esempio usando la scultura realizzata da lui e da Shellina Winkler dal titolo “The future project”.

Non è stato semplice per me mettere a fuoco il tema. Un conto è intuire un altro è riuscire a spiegarlo.

La loro creazione si presenta come una enorme serpentina nera con un grosso punto interrogativo in cima. Se segui pazientemente il percorso nel suo interno incontri  strutture architettoniche in movimento, richiami stellari, giochi di colore e puoi entrare ed uscire dalle sculture a tuo piacere.

the future project 1

the future project 2

quale futuro

Queste sono alcune delle immagini prese all’arrivo. “The future project” è una scultura immensa. Fate le proporzioni tra il puntino  in quest’ ultima foto, cioè Sarima che vola attorno all’opera, e la scultura stessa.  Entro e scopro un universo a se stante.

the future project 4

Incomincio il viaggio, la strada è segnata e cambia spesso colore, tutt’attorno miriadi di stelle

the future project 5

nuovi mondi nell’universo di Solkide e Shellina

the future project 6

una tappa

the future project 9bis

entro e mi immergo nel blu fra galassie, pianeti e luci smaglianti

the future project 7

da questa scultura nasce forse l’arcobaleno?

the future project 8

sono al suo interno

the future project 9

Sono arrivata in cima e questi punti interrogativi che formano un unico enorme punto lasciano aperto l’immaginario di ognuno di noi. Cosa ci riserva il futuro?

the future project 10

il percorso è stato vario, entusiasmante, insolito

Studiato più volte il percorso mi metto a lavorare perchè possa anch’io ispirarmi a queste forme e creare ancora qualcosa di nuovo. Entro nei particolari e muovo il mouse fino a trovare l’angolatura, la sovrapposizione, il ritmo che appaga il mio occhio. Sono nella fase creativa ed ecco le immagini si sdoppiano, si rincorrono ed è solo la prontezza di riflessi condizionati da anni di allenamento a farmi fare le scelte.

essenza

essenza

graffiti

graffiti

ispirato a the future project 1

quale futuro?

ispirato a..4

puro colore

pastello

pastello

ispirato a 7

vortici blu

autoritratto 2

autoritratto dedicato a Solkide

autoritratto

autoritratto dedicato a Shellina

Nessuna di queste fotografie è stata manipolata con photoshop. L’unico intervento è il taglio quadrato che caratterizza tutte le mie immagini riprese in Second Life.

Anche nel mondo reale ci si può ispirare ad un’opera d’arte, sia essa scultura, quadro, architettura, per fare fotografie artistiche, ma le possibilità che apre Second Life a questo tipo di intervento sono uniche e irripetibili.

Mi piacerebbe che gli amici avatar proponessero una gara fotografica ispirata ad un unico soggetto. Sono sicura che rimarremmo sorpresi tutti quanti noi operatori e non.

Vi  porto qui un altro esempio. Da una costruzione da me realizzata per raccontare una storia ho scattato questa fotografia

set 2 della web opera

E’ un lavoro che ha tutte le caratteristiche di un’ opera costruita in Second Life. Poi, lavorando  con il mouse,  ho estrapolato questa serie di tre immagini che a mio parere hanno la forza di vivere la loro unicità ed essere valutate indipendentemente dalla loro fonte di ispirazione. Sbaglio o sono nel giusto?

ispirato a web1

la mia geometria in Second Life n.1

ispirato a web2

la mia geometria in Second Life n.2

ispirato a web3

la mia geometria in Second Life n.3

Si, esse  fanno parte dell’immagine del set mostrato qui sopra, ma muovendo il mouse in un certo modo…..eheheh!!!

Read Full Post »

Ieri sera ho visitato lo spazio dove

P_Art_y

questa sera 19 giugno 2009 si terrà un favoloso Party su UQBAR, Museo del Metaverso, con sale completamente rinnovate e mi immagino già la fantasmagoria di colori, di immagini, di suoni alla quale assisteremo come ogni anno. E danzeremo fino a notte fonda.

la fata dai capelli verdini

Fata smeraldina, incontrata lì per caso, stava già pregustando la serata con la sua bacchetta magica.

fata smeraldina per web

attente Roxelo e Sarima… oplà

fata tra i colori per web

eccoci avvolte dal colore

nel rosso 1

lei nel rosso

stella stellina

ora Vrille Tone, la fata, si tinge di blu

A questa sera!!!

Read Full Post »

Ho vissuto il primo premio Call for creative 2.0 in un susseguirsi di emozioni e di concetti spaziali nuovi. Mi scuso perché le immagini che sono riuscita a captare non riusciranno mai a rendere giustizia ad una visita reale nel mondo virtuale che solo noi avatar possiamo fare. Tuttavia ho fatto del mio meglio per presentarvi questa opera globale.. L’uso delle texture, degli spazi, dei vuoti e dei pieni, il cromatismo, il coinvolgimento di chi guarda e si immerge nell’opera, la musica, le parole ne fanno un esempio unico di arte totale. Il vincitore si chiama Merlino Mayo e la sua opera ha per titolo Magna Mater 2.0

magna mater 2.0 jpg

ecco un esempio di semplicità che nasconde la complessità del mondo contemporaneo

li interpreto come due mondi yin e yang che rappresentano un universo

merlino

l’autore Merlino Mayo

nel centro della sfera 1

nel centro di una sfera

particolare con scrittura

nel centro dell’altra sfera

optical

optical

imparafacile con cravatta

Imparafacile e la cravatta sullo sfondo l’autore

mi ricorda.

questi riquadri bianco e rossi mi ricordano il condominio di Perec

che Solkide mi ha costruito in second life (vedi attualità-un regalo)

l'uomo e le sue gabbie mentali

l’uomo e le sue gabbie mentali

sinapsi

sinapsi

le prime impressioni

ci scambiamo le prime impressioni

Read Full Post »

Older Posts »