Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2011

FACIMMO PACE

Sapevo ch’ero pe’ te trasparente,
pure ‘o saluto mò tu m’he levato
‘e ccose faccio comme fosse niente
ma nun me trovo a te vedè ‘ngrifato.

Diceme tu, c’aggio a fà, pe’ fa’ pace,
‘e scuse nun te songono servute,
nun t’he vuluto ancora fa’ capace,
chiù so’ sincera e chiù nun m’he creduto.

Stanotte nun me songo arrepusata,
si pure nu poco ‘e suonno me faccio,
me sonno ‘e sta’ cu te sempe abbracciata,
ma nun ce sta calore int’a sti braccie.

Manco cu sta poesia tu t’arrienne,
me pare ch’è na bella serenata,
e  dimme a quale scusa mò  t’appienne
pe’ sta’ cu mme ancora ‘ntussecato.

Carmen Auletta

La mia è una semplice breve cronaca visiva

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una parata di bellissime avatar


Aliza Karu ha regalato a tutti i presenti questo elaborato abito da sera

uno spumeggiante abito nero da gran sera

ecco in questo momento vorrei essere pettinata così e questo nero corvino è proprio affascinante

Roxelo Babenco, aka Rosanna Galvani, l’ ideatrice e realizzatrice di art&poetry e il builder Massimo

Una installazione mi ha colpita in particolare: un cubo nero con immagini esterne di mani e dentro una scultura interattiva con i visitatori. Ho visto Roxelo seguire i movimenti di una figura che danzava con dei veli neri tra la scultura di due mani bianchissime e Carmen Auletta guardare meravigliata. La scelta del bianco e nero è una decisione rigorosa e insolita per raffigurare la pace che è sempre rappresentata coloratissima, anzi come un arcobaleno. Probabilmente nei pensieri dell’ artista c’ era la consapevolezza che la pace è difficile, che la pace va costruita passo per passo ed è una lotta che non finisce mai, appena l’ abbandoni i signori della guerra rialzano il capo.

l’esterno del cubo con le mani e la figurina dell’avatar

all’interno una scenetta

Roxelo danza con la figura avvolta nell’abito nero e Carmen guarda meravigliata

un’ altra posa

Annunci

Read Full Post »

L’ altra  installazione di cui vi accennavo è la denuncia dello stoccaggio di ecoballe, fatte con non si sa quale tipo di immondizia, accatastate a migliaia, nell ‘ attesa di sapere come verranno eliminate.  Con un inceneritore? inviandole ad altri paesi? sotterrandole? riciclandole? ma dove, come, quando? Interrogativi che non hanno ancora ricevuto una risposta chiara. Ecco allora che l’ artista , oltre alla presenza di queste enormi ecoballe , che poco hanno dell’ ecologico, costruisce un meccanismo che le distrugge riducendole in mille atomi, per trasformarle in un qualchecosa di colorato e pulito. Una soluzione drastica, distruttiva ma benefica. L’ autore è Daniele Daco Costantin.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Read Full Post »

‘A MUNNEZZA A NAPULE

Che t’aggio a dicere cumpagno mio,
io soffro troppo pe’ sta situazione,
tutt’ ‘e napulitane e nun sul’ io.
Aspetto, comme a te , na soluzione.

E’ vero, simmo “oramaje” na barzelletta
pe ‘o munno ca ce stà a guardà a luntano.
Disprezzano sta Napule ch’è infetta.
Specie ‘a Camorra, ha criato stu pantano.

Pure ‘a politica , dice tu, c’entra,
eh si, d’ ‘a capa sempe puzza ‘o pesce,
me pare proprio ca nun se cuncentra,
nun fa na cosa bbona ca riesce.

E nuje personalmente, che facimmo?
Pe’ troppo tiempo , illusi simmo state.
‘A colpa, ognuno ‘e nuje pure‘a tenimmo,
ca bbuono, nun ce simmo cumpurtate.

E tu dice pecchè? Nuje che c’entrammo?
C’entrammo pecchè a ‘a gente malamente,
tutto ll’onore sempe nuje ce dammo.
Ce hanno corrotto ‘o core e pure ‘a mente.

Carmen Auletta

Mi hanno colpito due diverse interpretazioni di questa poesia: una  centrata sulla solidarietà degli uomini e delle donne di buona volontà. Coloro che vivono già nella luce della giustizia e dell’amore tendono una mano alle persone perse nel mondo nebbioso della malavita e della politica affaristica. Il problema dell’immondizia a Napoli è uno degli aspetti più eclatanti del degrado del nostro paese. L’autore di questa installazione è Aloisio Congrejo di cui ho sempre ammirato la fantasia e la poetica.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo spazio del cubo è diviso orizzontalmente in due parti: sotto nell’oscurità uomini e donne appaiono grige, spente e guardano verso l’alto, dove si intravvede la luce. Tendono le mani verso coloro che stanno sopra. Gli avatar che entrano nell’ installazione  si trovano in questo buio pesto e solo dopo un po’  riescono a vedere la scena e notano una scala. Questa scala permette ai visitatori di salire nella parte superiore. Lì uomini colorati e pietosi tolgono dal buio i loro compagni semplicemente prendendoli per la mano. Suggestivo il contrasto ed elegante la soluzione.

continua…

Read Full Post »