Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘pittura’

Anche se l’inaugurazione è passata mi fa piacere segnalare il comunicato che presentava la mostra. Se vi trovate a Viareggio, andate a visitarla

Comunicato stampa

La terza edizione di Viareggio Art Project, curata da Nicola Domenici e Maurizio Marco Tozzi, si terrà a Viareggio, dal 24 giugno al 10 luglio 2011, presso i Musei Civici di Villa Paolina Bonaparte.
Vap è una mostra nata con l’intento di portare a conoscenza del pubblico i vari settori d’arte contemporanea: pittura, scultura e culture digitali.
Nelle edizioni precedenti sono state presentate diverse innovazioni come l’utilizzo delle smart tag, i collegamenti con la piattaforma virtuale di Second Life con al suo interno una ricca esposizione di artisti di tutto il mondo, un canale streaming per far visitare la mostra direttamente dal proprio pc a casa.
Anche quest’anno le novità non mancheranno grazie, come sempre, alla partecipazioni di 28 artisti emergenti e non, provenienti da tutto il mondo.
Fra gli ospiti di quest’anno Luca Lo Coco, che presenterà la sua opera di net art censurata a causa della sentenza del Tribunale di Palermo in seguito alla causa intrapresa dal direttore della rivista Flash Art: il giovane artista aveva parodiato il sito della importante rivista di settore, è stato querelato, oscurato su Internet e condannato a vendersi perfino i mobili di casa! Luca Lo Coco aveva impostato una critica al sistema dell’arte contemporanea che definisce: “una giungla darwiniana che trova ordine solo nella perfetta forma piramidale della sua gerarchia di potere”. Un’opera che farà riflettere i visitatori della Vap su come spesso viene gestita l’arte. Per approfondimenti potete visitare il link
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/io-artista-censurato-e-pignorato/2152527
La Vap prosegue la sua collaborazione con gli artisti che operano nella piattaforma virtuale di Second Life, grazie alla partecipazione di Maria Luisa Grimani, poliedrica poetessa che ha collaborato in passato con Bruno Munari e dal 2007 ha iniziato un dialogo su Internet con il gruppo Password, a cui partecipano artisti che risiedendo in ogni parte del mondo e lavorano on line. Le loro poesie, tradotte in immagini sono state esposte a Vienna, Pechino, New York e Washington. Grimani opera in SL con l’avatar Sarima Giha ed i suoi viaggi virtuali e mentali sono descritti nel suo blog personale “Il fogliomondo di Sarima”.
Il pubblico potrà inoltre ammirare i lavori di 11 pittori, 8 scultori e 9 artisti digitali che rappresentano l’importante panorama dell’arte contemporanea dei nostri giorni.

ARTISTS VAP 3

ALEXANDER DANILOFF
ANTONELLA BOTTICELLI
ANTONIO VILASI
CARLO TREVISAN
CINZIA ROSSI GHION
CRISTIANA PIERONI
EDOARDO STRAMACCHIA
ELISA LORENZELLI
ELISA RESCALDANI
FABRIZIO LAVAGNA
FEDERICO COSCI
FRANCO MILANESIO
GIULIA SALIS
GIUSEPPE MALFATTORE
JONAS DELGADO SANCHEZ
LUCA LO COCO
MARIA LUISA GRIMANI
MARIO PANELLI
PAOLO BACCI
PAOLO REPETTO
RITA BAGNOLI
ROBERTO CANEDO BALBOA
SANDRO GRECO
SHOZO KOIKE
STEFANO CORSINI
VANDA PIANINI

Sarà possibile seguire l’inaugurazione della mostra in diretta via streaming dal proprio pc collegandosi al sito http://www.livestream.com/nmartchannel

Inaugurazione Ven 24 Giugno Ore 17
Orario Dal 24.6 Al 30.6 Dalle 15.30 Alle 19.30
Orario Dal 1.7 Al 10.07 Dalle 18.00 Alle 23.00
Lunedi’ Chiuso

Questa presentazione richiede JavaScript.

L’ ospitalità dei due organizzatori Maurizio Tozzi e Nicola Domenici, la loro scelta coraggiosa di uno spaccato di arti visive contemporanee, le belle stanze restaurate di Villa Paolina Bonaparte, l ‘incontro con un vecchio amico conosciuto alla Sincron di Brescia, Edoardo Stramacchia, rimarranno un bel ricordo per me e penso anche per chi ha potuto partecipare

Read Full Post »

Sì, ho incontrato di nuovo il padrone dell’arcobaleno, Gianky Lindman. Avevo il sentore che fosse lui il proprietario, almeno nel mondo di Second Life, ora ne ho la certezza!

lisola-della-luce

Notate il disco nero attraversato da un raggio luminoso , è così che lo cattura. Questo è il lato oscuro del suo living room

lisola

Si entra da questa parte.

gianky-pictures

All’ingresso noto un manifesto. Vedrò nuovi quadri penso.

la-sala-dei-colori

Ed è così, nella mia prima visita non li avevo notati. L’arcobaleno è ovunque.

ritratto

Un brillante ritratto di donna

radar-laurie-anderson

Mi siedo sul radar dedicato a Laurie Anderson

silouhette-1

giochi di velature colorate davanti a delicate silouhette

silouhette-2

Queste fugaci immagini non rendono molta giustizia all’emozione che si prova visitando questo living room.

Gianky è un avatar molto brillante e spiritoso ma nello stesso tempo è riservato e schivo, non ama stare tra la gente, preferisce chattare scrivendo e non in voice, è un poeta nell’animo e nell’aspetto. Ci siamo sentiti ed abbiamo deciso di incontrarci. Mi teleporta in una grande bolla piena di sfere di diverso colore e diverse misure.

lle-sfere

E’ uno strano posto. Gli chiedo dove posso sedermi e mi invita a scegliermi una sfera, ci parliamo per un po’, cerco di stare alla pari con le sue battute ma non ci riesco molto. A lui vengono così naturali! Che invidia!

dentro-le-sfere

Dopo una serie di movimenti sussultori, ondulatori, centripeti mi gira la testa e mi viene un po’ di nausea, chiedo se c’è un posto più tranquillo. Si impietosisce solo dopo aver visto che non volevo chiudere gli occhi o non guardare e mi invita su una specie di deltaplano brontolando “ma cosa vogliono questi umani!”

voliamo

non so dove mi porterà

si-vola-tra-le-nubi

stiamo volando tra le nuvole

arriviamo

finalmente “terraaa”.

nuova-land

Eccoci in una nuova land, “un’altra specie di casa” mi suggerisce gianky

il-dialogo

Finalmente, comodamente seduti riprendiamo il dialogo.

Abbiamo molte idee simili su second life ma non sono certa di avergli fatto capire che io non sono un’artista di Second Life. Io sono una viaggiatrice che tenta di trasmettere, attraverso le immagini e con qualche didascalia, ciò che vede e che sente nel mondo degli avatar. Sono come una voce fuori campo che cerca di descrivere i suoi incontri con i diversi personaggi, le creazioni di second life, le piccole avventure che mi capita di vivere e non altro. Non mi sognerei mai di mettermi in competizione con chi sa maneggiare magistralmente questo splendido programma e riesce a ricavarne design, arte e poesia.

Posso svelare un piccolo segreto ai miei amici?

Gianky mi ha suggerito di guardare il film Solaris (Солярис) di Andrej Tarkovskij girato nel 1972 e di leggere il romanzo omonimo scritto nel 1964 dal polacco Stanislaw Lem da cui è tratto. Sono le sue principali fonti di ispirazione!!! Oltre alla conoscenza delle teorie del colore, aggiungo io.

Read Full Post »

D’un tratto nel folto del bosco. Neve.

“Tina, non ti muovere, tenera è la notte”.

“Ti seguirò ad occhi chiusi, io non ho paura”.

Messa di mezzanotte, perchè i pesci non affoghino come pietre nel fiume.

Serena

Read Full Post »

Quando sogno Una casa portuguesa

Non vedo che te:

Tu che piangi, Troppo giovane, Fidanzata di nessuno.

Dovevi essere tu Tutto di me:

Dolce imprudenza… Peccato d’amore.

Panirlipe


Read Full Post »

Mi piacerebbe parlarvi di Core Tatham avatar emblematico di Second Life.

Sono riuscita a carpirgli alcuni segreti avendo io una certa confidenza con il personaggio.

Core voleva nascere come un vecchio vecchissimo personaggio che, con il passare del tempo e delle apparizioni in SL, lentissimamente ringiovanisse. Il nome Core doveva richiamare più il napoletano “anema e core” che il termine inglese “core” un po’ più tecnologico. La sua umanità doveva trasudare dal lento cambiamento che lo avrebbe portato all’eterna giovinezza.

Ma il suo desiderio è stato travolto dal succedersi degli eventi. La necessità di nascere e nascere in fretta l’ha spinto a lasciarsi costruire da un avatar già esperto, con abiti raffazzonati alla meglio, per il suo primo apparire. E poi subito le prime costruzioni in Tomcorsan Place, Quietly Tuesday, tra cui la struttura che sarebbe servita, guarda caso, proprio a Sarima Giha per esporre alcune sue opere in SL.

al castello

Sono seguiti gli aggiustamenti, invecchiarsi un po’, scegliere abiti più consoni al rigore del suo lavoro fino ad arrivare ad un abbigliamento pantaloni e maglietta neri molto usati in teatro e tra i designer.

perso nel cielo

Poi il tempo della riflessione. Apparire e scomparire: il tempo degli avatar è un succedersi di eventi e di presenze e per Core l’accorgersi che il suo lavoro era diventato una non presenza fisica ma un servizio tra gli operatori di rl e sl, gli ha suggerito un cambiamento radicale: scomparire come avatar e lasciare al suo posto solo gli abiti. Nasce cosi l’avatar invisibile. Ma poiché i suoi gesti nel costruire e nel lavorare in SL sono fondamentali ecco apparire al posto della testa e delle mani un uovo e due coni trasparenti. Un voluto richiamo ai personaggi di Oskar Shlemmer più che al personaggio dell’uomo invisibile.

Core al lavoro

E là dove si situa la sua invisibilità si crea una strana lente.

Attraverso l’invisibilità di Core si può vedere un’altra Second Life: le sue parti trasparenti bucano corpi, acque, alberi, il mondo appare diverso, tutto diviene più evanescente. Un non apparire che lascia il segno.

Core e Sarima

In una realtà in cui apparire sembra lo scopo principale di ognuno di noi, scomparire per riproporsi con altri canoni, con altre qualità può rappresentare un cambiamento in controtendenza.

Sarebbe bello che ad apparire fossero solo le qualità delle persone, chissà a quante sparizioni assisteremmo.

Core e Stex

Oggi Core si dà da fare per realizzare eventi ponte tra universi e metaversi. Ultimamente sta avviando con Stex Auer e Vive Voom una associazione open di nome 2lifecast

Una piccola curiosità, lo sapevate che gli avatar sono vuoti dentro? Avremo occasione di riparlarne.

Read Full Post »