Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘l’adieu’

Nei primi giorni vissuti in second life l’emozione è stata così forte da tenermi sveglia per intere notti. Nella calma apparente del paesaggio mi stavo accorgendo che un lavorio invisibile cresceva e si consolidava tra un dentro e un fuori di mondi reali e virtuali.

Pensavo al mio apparire come una toccata e fuga per un video che stavo realizzando a proposito dei miei lavori in digitale, quando fatalità volle che incontrassi gli avatar giusti, proiezioni di una parte di società ancora libera e aperta.

Con Archimedix Bulan proprietario di una bella bibioteca aerea, appesa tra i monti, ho imparato a fare i primi passi. Seguivo i suoi incontri letterari, venivo teleportata in ambienti dove l’arte, la lettura, la poesia si manifestavano e incominciavo a trovare i primi amici. Sparito Archimedix in un altro mondo virtuale, ma io spero che venga preso dalla nostalgia e torni tra noi, mi ha lasciato in eredità un altro maestro Roxelo Babenco, owner del Museo del Metaverso, che con infinita pazienza mi spiega i molti, per me, misteri del web, le varie sigle, l’uso dei termini e quando non trovo la strada mi teleporta in un batter d’occhio nei punti dove gli eventi accadono . A sua volta mi ha presentato Arco Rosca, un valente, di nome e di fatto, architetto, le cui opere si distinguono per le linee pure, avvolgenti, giuste. Le sue più recenti aule, aperte al paesaggio e al cielo, nelle loro colorate trasparenze ospitano centri di ascolto e di didattica. Imparafacile, un maestro per molti, coordina e tiene corsi di comunicazione, corsi di cultura sociale, di scienza, di tecniche avanzate, aperti a tutti gli avatar. UQBAR, un social network, gestito da Roxelo e da Arco, ci permette di dialogare tra di noi, di essere informati su ciò che di rilevante accade in sl, e non ultimo propone mostre e collaborazioni anche nella vita reale.

La mia attività principale è quella di lavorare per due blog, questo di Sarima dove racconto le mie e le altrui vicissitudini di avatar impegnati in second life, l’ altro di Maria Luisa Grimani dove racconto il mio passato artistico, non solo per storicizzarlo, ma anche perchè, chiarendomi le idee, lavoro meglio nel presente .

Ho avuto la conferma della giustezza del mio operare nel momento in cui mi sono rammentata che da parecchi anni giacevano nei miei cassetti vecchi progetti abbandonati. Uno in particolare quello della poesia vista come oggetto tridimensionale, mai realizzato per i costi che comportava.

Perchè non tentare allora di incominciare l’attività di builder e vedere realizzati alcuni miei lavori?

Core Tatham e Solkide Auer mi sono stati preziosi per affrontare i primi rudimentali passi. Poi anche per non essere noiosa, mi azzardo a lavorare sperimentando le soluzioni. Questo mi porta a commettere parecchi errori e ad essere lentissima, ma anche ad imparare creativamente.

Il prototipo che avevo fatto realizzare nel 1982 sulla Profondità della poesia di Apollinaire L’adieu poteva, data la sua semplicità, essere il mio primo passo. Ora è una realtà, manca solo un involucro sempre trasparente da una parte e nero dall’altra per poter esporre l’opera in uno spazio che mi vorrà generosamente ospitare.

L’adieu

J’ai cueilli ce brin de bruyère

L’automne est morte souviens-t’en

Nous ne nous verrons plus sur terre

Odeur du temps brin de bruyère

Et souviens-toi que je t’attends


In questa poesia sono state contate le singole lettere come fanno i semiotici per trovare il ritmo dei versi. Il primo pannello declama l’intera poesia poi man mano che si avanza negli altri pannelli spariscono tutte le lettere fino a restare la sola e che nel testo è ripetuta 25 volte, compreso il titolo.

ladieu-tridimensionale

Prodondità di un addio

ladieu-dal-retro-21

vista da dietro

adieu-dallalto

vista dall’alto

particolare-adieu-1

un particolare

sarima-e-ladieu-2

danzo felice per questo mio primo risultato

sarima-nelladieu

profondamente commossa

In ogni addio qualcosa si spezza ma riflettendo il cambiamento che ne deriva può essere anche un nuovo inizio.

Sarà così anche per Sarima, quale sarà il mio destino con questi nuovi strumenti?

Grazie amici avatar! Devo ai voi tutti se riesco ancora a lavorare con tanto entusiasmo!

Read Full Post »

Gucù …eccomi qui con un cappellino giapponese.

soluzione-indov

i piccoli segni grigi erano i miei capelli che spuntavano fuori.

Bravo Panirlipe! hai buon occhio. Riceverai questo piccolo dono da maria luisa grimani.

adieu-per-web1

addio 1979

L’adieu

J’ai cueilli ce brin de bruyère

L’automne est morte souviens-t’en

Nous ne nous verrons plus sur terre

Odeur du temps brin de bruyère

Et souviens-toi que je t’attends

Guillaume Apollinaire

L’addio

Ho colto questo filo di brughiera

Ricordati che l’autunno è morto

Non ci vedremo più sulla terra

Odore del tempo filo di brughiera

Ricorda ancora che io ti aspetto






Read Full Post »