Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘film’

6 febbraio 2010

C’è qualcosa nella vita di oggi che va messa a fuoco. Come questa immagine sfocata, eppure luminescente. Chi si avventura all’ interno di questa nuvola colorata incontra robots che richiamano le forme umane in modo schematico. Fluttuano  nello spazio ed avranno vita breve, il tempo di una installazione, dieci, quindici giorni? Poi spariranno per lasciare posto ad altre invenzioni ad altre immagini. E a noi che le osserviamo cosa rimane? E’ questo che dobbiamo domandarci: nell’ era delle immagini mi ritrovo come diogene a cercare con il lanternino dove sta l’ uomo. Il mio avatar ricordiamo è vuoto al suo interno ma  ha le mie pulsioni e si muove ed agisce guidato da una mano esterna e da una tastiera. Nè più nè meno dei robots che le stanno accanto. E questo mi fa riflettere e mi preoccupa.

Ma da oggi anche gli avatar hanno i loro miti: Jake Sully é Neytiri, una guerriera Na’vi figlia del capo di una tribù che vive su Pandora.

beautiful Neytiri

Quand’ ero ragazza il mio mito era Jolanda la  figlia del Corsaro Nero, eroina del romanzo di Emilio Salgari, qualcuno se lo ricorda ancora?

Jolanda

Da queste riflessioni è nato il libro d’artista “Vita liquida dell’avatar Sarima Giha” che verrà presentato alla Biennale del libro d’artista di Napoli. Farò sapere quando sarà decisa la data dell’esposizione e verrà pubblicato il catalogo.

Annunci

Read Full Post »

La storia del racconto “Prêt à porter” sta per concludersi. Nell’ultima sfilata sono apparse due nuove immagini: una sullo sfondo che rappresenta una miriade di occhi di bambini che guardano, l’altra che mostra bambini al telaio che tessono.
Si è entrati così nel vivo del racconto dello sfruttamento minorile, che a volte si nasconde dietro ad immagini bellissime come possono essere quelle di una sfilata di moda.
Gli adulti hanno verso i bambini molte responsabilità tra le quali quella di garantire loro il diritto allo studio e al gioco. Purtroppo, se un uomo nasce povero e non può permettersi di istruire i propri figli ha un alta probabilità di rimanerlo per tutta la vita, lui e le generazioni che verranno. La distribuzione equa delle ricchezze, che non vuol dire tutti uguali indipendentemente dai propri meriti, ma tutti dotati del diritto ad avere un’istruzione, sembra un sogno impossibile.  Molto spesso chi ha vorrebbe sempre di più, a scapito e a danno  di chi non ha. Meno costa la manodopera per realizzare alcuni lavori più si guadagna; e allora, meglio far lavorare i bambini per pochi soldi, che assumere i loro padri.
L’idea della scena con gli occhi dei bambini che guardano e giudicano il comportamento degli adulti mi è stata ispirata da vecchi e nuovi esempi. Ultimamente, in televisione, ho visto per la prima volta  il film di De Sica “I bambini ci guardano” . Ancora oggi dovremmo chiederci, quale esempio diamo ai nostri figli quando il pudore, l’onestà, la coerenza vengono meno? Dal film neorealista di Vittorio de Sica estrapolo questi pochi fotogrammi per darvi l’atmosfera di quei tempi, la trama la trovate cliccando sul titolo del film.

Apro questa mattina il “Corriere della sera” e in prima pagina il Direttore Ferruccio de Bortoli titola il suo editoriale  “I nostri figli ci guardano”. Inizia così l’articolo: “In tempi di passioni tristi e valori deboli, forse è opportuno staccarsi un attimo dalle cronache e chiederci come verrà giudicato, fra qualche anno, questo particolare momento della nostra vita, pubblica e privata. Non dagli storici, che speriamo abbiano di meglio di cui occuparsi. Ma dai nostri figli….” Poi l’articolo prosegue presentando i libri di Benedetta Tobagi e di Umberto Ambrosoli, figli di padri integerrimi che hanno lasciato dietro di loro esempi di umanità, di rigore professionale, di etica di vita quotidiana. E conclude , pensando ai giorni nostri, con queste parole: “E immersi nel liquido, a volte  maleodorante, della nostra contemporaneità, ci domandiamo, con un senso di angoscia, come ci ricorderanno i nostri figli. E se stiamo facendo di tutto per consegnare loro una società migliore”
Scusate il volo pindarico, ma mi sembrava doveroso far notare l’attualità e la vicinanza di questi  problemi che  purtroppo fatichiamo ancora oggi a risolvere.
Sul set, diventato grigio e cupo, le modelle si interrogano sul perché appaiano quelle immagini di occhi e bimbi al telaio, inconsapevoli di essere la rappresentazione vivente della inaccettabile differenza tra la storia triste dei propri abiti e la loro splendida esibizione.

sequenza finale 3

fermatevi! sta succedendo qualcosa!

sequenza finale 4che succede?

sequenza finale5

mille occhi ci guardano!

finale 2

finale 8

sequenza finale 6ecco sotto i nostri piedi una nuova immagine!

sequenza finale 7 bambini che lavorano ai telai

sequenza finale 8tutto appare più triste e grigio, anche i tetti colorati sono volati via

sequenza finale 9qualcuno ci dovrà spiegare cosa sta succedendo!

finale 7

occhi  profondi osservano

sequenza finale 10

I bambini ci guardano e ci giudicano

Read Full Post »